Il Figlio Di Kozma – Nonda Bulka

ShkrimOgni sera, verso le sei, qualcuno batte alla mia porta. Due piccoli ragazzini, uno di cinque l’altro di sette anni, vengono a portarmi dell’yogurt; hanno in tutto sempre tre barattoli di yogurt, e li vendono a mezza lira ciascuno.
Mi è diventato quasi indispensabile l’incontro con i due ragazzini. Sia in tempo buono o cattivo, i due fratelli bussano sempre alla mia porta per poter vendere lo yogurt e poter guadagnarsi la mezza lira.
Un giorno venne solo il piccolo dei fratelli e lo yogurt che mi ha portato non era poi tanto buono.
– Perché oggi é tanto acquoso lo yogurt? Non lo voglio; va a venderlo altrove!
Il ragazzino invece di rispondermi riempi gli occhi di lacrime; non ebbe il coraggio di difendere il suo yogurt, per timore di vedermi arrabbiare ancora di più.
– Dove il tuo fratello maggiore?
– E’ ammalato signore. Abbiamo solo alcune pecore e capre e con il loro latte manteniamo la casa.
Tolsi di tasca e le diedi la mezza lira e presi lo yogurt. L’indomani venne di nuovo lui solo; l’indomani lo stesso, e questo ritornello continuo per quasi due mesi.
Un giorno li chiesi:
– Perché viene solo? Dove é tuo fratello? Si é rimesso?
Lui mi rispose:
– Signore, il fratello se lo ha preso il prete. Un giorno diventò giallo in viso. Non mangiava, non beveva, né si muoveva, né parlava. Babbo e mamma piangevano, anche gli amici piangevano, e poiché tutti piangevano, cominciai a piangere anch’io. Mi dissero che il fratello lo porterebbe con sé il prete per qualche tempo e lo riporterebbe di nuovo. Io dissi al prete di riportarmi il fratello al più presto possibile, poiché ho tanta paura di uscire da solo a vendere lo yogurt e poi m’affatico molto, ma il prete non mi rispose. Ho due mesi che aspetto il ritorno di mio fratello, e non ritorna. Conosce lei signore il prete? Diglielo di restituirmi il fratello, poiché allora anche lo yogurt verrà buono.
Promisi al ragazzino di dirglielo al prete, ed ogni volta che mi vede mi chiede:
– L’hai detto al prete?
Come può saperlo il poveraccio che la morte le ha rapito il fratello e lo strinse nel suo seno glaciale ; non sa il poveraccio che ne il prete, ne il diavolo hanno il potere di farglieli ritornare suo fratello per aiutarlo a vendere lo yogurt.
Povero figlio di Kozma!

Tradotto: Robert Cipo

Nonda Bulka
Nonda Bulka

Pin It on Pinterest

Share This